Un’introversa alla ribalta.

Mi chiamo Stella Colonna, ho 18 anni e vivo a Rho, nel milanese. Non sono mai stata troppo loquace o estroversa per ragioni che vanno oltre alla semplice timidezza, e proprio questo è il motivo iniziale per il quale ho iniziato col teatro. Sotto consiglio di amici e parenti, pensai che potesse essere d’aiuto come forma di espressione del corpo e della mente. L’esperienza avuta durante l’ultimo anno ha avuto alti e bassi, come spesso accade, ma si è conclusa in modo assolutamente positivo.

I problemi maggiori che ho dovuto affrontare sono stati il confronto con gli altri attori, una certa impacciataggine personale e la paura di espormi: da sempre ho avuto una paura tremenda di occupare troppo spazio, di toglierne a chi lo merita più di me. Le prime volte in cui dovetti parlare davanti al gruppo, beh… ci furono solo ingestibili tremori, crisi di pianto trattenute e la volontà di mollare tutto al più presto. Non che gli altri fossero ostili, anzi, il problema era solo nella mia percezione di loro. Devo ammettere però che, col tempo, trovarmi nel sottoscala di un appartamento a recitare con altri quindici amici divenne una routine piacevole. Molto lentamente iniziai a far sentire la mia voce, a muovermi nello spazio con meno timore e a divertirmi senza pensare di essere inferiore o superiore al resto della compagnia.

Il mio primo spettacolo è stato “Tifone”, una rivisitazione dell’omonimo romanzo di Joseph Conrad. Mi diedero il ruolo del capitano – per la bassa statura, certo, ma pur sempre protagonista. Imparare le svariate battute, qualche regola di dizione e le scene in un solo mese fu una vera sfida, per quanto divertente. La mia prima esperienza sul palco è volata. Davvero, pensavo di star facendo un’altra prova e solo dopo un po’ mi accorsi delle luci e del pubblico in sala. Per una volta mi sono sentita sicura di quel che dovevo fare e di cosa dire, senza alcun imbarazzo. Gli applausi a fine spettacolo mi hanno lusingata: le cose erano andate bene, più del previsto.

Stando ai pareri di chi mi sta intorno, credo che il teatro mi abbia aiutata ad aprirmi un minimo e a superare alcuni ostacoli nella comunicazione. Momentaneamente la mia strada prenderà un’altra direzione, per sviluppare altri ambiti della mia persona, ma il mio percorso teatrale non si concluderà di certo qui. Quando il tempo sarà giusto, sono sicura che tornerò sotto i riflettori, meglio di prima.
Stella Colonna

IMG-20180919-WA0011

Stella in “Tifone”, regia: Samuel Zucchiati, Giugno 2018. 

Tutti i diritti riservati per la foto a: Alessandro Villa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...