Gli innamorati del teatro.

 

FB_IMG_15305497274246310

C’era una svolta, Giugno 2018, comp. Teatro Inaudito.

PH: Alessandro Villa

 

Li riconosci quelli innamorati del teatro: hanno gli occhi curiosi e attenti del pubblico a ogni spettacolo. Ne fanno una scorpacciata di spettacoli teatrali, spulciando con vivo interesse i programmi delle rassegne. Li riconosci perché hanno la trepidazione di salire su un palco, trasformarsi in qualcun’altro altro e l’ansia annidata nello stomaco prima di ogni prima. Quando indossano i panni del loro personaggio, poi non riescono a toglierseli per un po’ di tempo e li senti parlare con le frasi dei dialoghi o monologhi dei loro personaggi. Li riconosci perché per loro una lezione di recitazione è una botta di adrenalina e se la lezione finisce a mezzanotte loro starebbero svegli fino alla mattina per quanto si sentono carichi e vivi.  Parlano del teatro come fosse una persona che amano. Hanno un sorriso a trentadue denti e gli occhi pieni di luce quando raccontano di aver finito di scrivere un copione, ma anche la voce stanca per la fatica, una fatica bella, che sta bene addosso. Qualche volta hanno gli occhi scintillanti di lacrime per l’emozione quando un anno di teatro si conclude con uno spettacolo. Ti sanno raccontare bene la bellezza del teatro, te la raccontano con semplicità e umanità…con parole di meraviglia ti sanno scaldare il cuore. Ti mostrano la gioia e il dolore nelle loro forme più estreme. Vogliono illuminare gli angoli bui della tua anima e scuotere la tua coscienza. A volte, vogliono semplicemente farti ridere a crepapelle. Ci sono delle volte in cui li vedi presi dallo sconforto perché non riescono ad entrare nel loro personaggio, ma fortunatamente si tratta di poco tempo perché poi trovano la chiave per entrarci dentro attraverso la sfumatura di un sentimento. Alcuni li vedo ancora sognare ad occhi aperti il palco di un’accademia mentre hanno libri universitari aperti sul tavolo, altri invece li vedo lasciarsi alle spalle tutto quanto, prendere il coraggio a due mani e fare del loro sogno una realtà, la loro realtà, anche se hanno molte voci contro e anche se sanno che sarà dura affermarsi, far sì che il loro talento venga riconosciuto e valorizzato nel modo giusto. Li riconosci quelli che amano il teatro perché rendono la finzione verità. Li vedrai nel grigio del mondo brillare, non ti puoi sbagliare.

Micaela Luppino

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alcuni scatti degli spettacoli all’interno della rassegna Assicurarsi ai sedili 2018.

PH: Alessandro Villa, Micaela Luppino e altri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci